I militari del governo superflui devono essere mandati via, solamente conseguentemente si può parlare di riconciliazione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

I soldati designati in sovrannumero nei distretti nord dello Sri Lanka, devono abbandonare subito e i civili ritrasferiti nelle loro case, solamente dopo si può parlare di riconciliazione. Questo è stato ribadito dei civili nord, alla riunione di riconciliazione avvenuta a Karaveddy. 

I profughi interni, si sono lamentati di essere senza casa, terreni e di aver perso tutto. I figli, ormai vivendo li da molti anni, hanno perso la formazione non potendosi più garantire un futuro gioioso e sicuro. 

Hanno reclamato, di condurre una vita estremamente povera e poco dignitosa nei campi profughi, mentre il governo sui loro territori costruisce alberghi di lusso, i quali sono molto frequentati da turisti e permettono al governo un guadagno molto alto. Mentre per i profughi non c’è nessun tipo di assistenza finanziaria e non hanno neppure un lavoro sicuro.

Attualmente si sta cercando di registrare i profughi permanentemente presso i campi profughi, Oltre a ciò sono stati distrutti i templi di Mayiliddi, così da eliminare tutto ciò che poteva essere riconosciuto dai profughi come proprio. 

I profughi chiedono solamente di poter tornare a vivere sui loro terreni, nelle loro città. Non chiedono nessun tipo di rimborso, ma solamente di poter riprendere ad effettuare i lavori tranquillamente e senza nessun ostacolo.

In conclusione chiedono di ritirare i soldati e lasciare loro la possibilità di ritornare ad abitare sui propri terreni. Solo dopo ribadireo che la riconciliazione è avvenuta. 

Fonte: http://www.kuriyeedu.com/?p=6904

Share.

Comments are closed.