La risoluzione dei crimini di guerra delle Nazioni Unite segna un punto di svolta per le vittime – AI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Una risoluzione fondamentale adottata al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite offre, oggi alle vittime dei conflitti armati dello Sri Lanka, la possibilità di sapere la verità e avere la giustizia che si meritano, ha dichiarato Amnesty International.

La risoluzione è stata adottata senza votazione oggi (01.10.2015) al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite a Ginevra, in seguito alla pubblicazione all’inizio di questo mese di un rapporto delle Nazioni Unite sulle presunte violazioni gravi e gli abusi dei diritti umani da parte di tutti durante il conflitto armato dello Sri Lanka.

“L’adozione di questa risoluzione è un punto di svolta per i diritti umani in Sri Lanka, e riconosce i terribili crimini commessi da entrambe le parti durante il conflitto armato. Anche se ben lontani dall’essere perfetto, se la risoluzione e gli impegni sottostanti del governo dello Sri Lanka sono implementati in buona fede, questo presenta un’opportunità per le vittime di ottenere finalmente la verità e la giustizia che aspettavano da tempo “, ha detto David Griffiths, Direttore delle ricerche dell’Asia meridionale di Amnesty International.

“La risoluzione richiede l’intervento di giudici internazionali, avvocati, pubblici ministeri e investigatori per garantire la credibilità del procedimento giudiziario – questo è fondamentale. Lo Sri Lanka ha di volta in volta dimostrato poca disponibilità nell’effettuare delle indagini sui crimini di guerra.

“Qualsiasi processo di rendicontazione deve avere una componente internazionale per poter avere credibilità, così come fornire le necessarie capacità e competenze.

“Sarà anche in base alla comunità internazionale e alle autorità dello Sri Lanka la garanzia che le vittime e le loro famiglie siano realmente consultati in ogni fase del processo per arrivare alla verità e alla giustizia. Le autorità dello Sri Lanka devono intraprendere una vasta gamma di riforme istituzionali, includendo il rafforzamento della protezione dei testimoni, che oggi è di gran lunga inferiore di quanto richiesto. “

Fonte: http://eng.lankasri.com/view.php?204AlJdadTZY42402cMQ3222Ym53adcdBOU40eMgAAaecom5B4ce3JOm23

Fonte immagine: http://www.migrantitorino.it/wp-content/uploads/2009/05/amnesty_vit_mot_svart_500.gif

Share.

Comments are closed.