Lo Sri Lanka ottiene una proroga per la relazione dei crimini di guerra delle Nazione Unite

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Ginevra (Reuters) – Il nuovo governo dello Sri Lanka ottiene una proroga di sei mesi, il lunedì 16 febbraio 2015, durante la pubblicazione di una relazione sui presunti crimini di Guerra, conseguente all’approvazione del capo dei diritti umani delle Nazioni Unite allo scrutinio del paese.

Le forze governative dello Sri Lanka sono state accusate di diffuse violazioni dei diritti umani, durante le ultime fasi della Guerra civile che si è conclusa nel maggio del 2009, incluso uno sterminio di più di 40,000 di civili Tamil, durante le settimane conclusive del conflitto.

Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, lo scorso marzo, ha votato a favore dell’indagine dei crimini di guerra affermando che, il presidente Mahinda Rajapaksa ha fallito nell’eseguire correttamente il proprio ruolo. L’inchiesta dell’ONU, consigliata dai tre esperti, guidati dall’ex presidente finlandese Martti Ahtisaari, avrebbe avuto la finalità di potere farne riferimento il mese successivo.

L’alto commissario delle Nazioni Unite Zeid Ra’ad al-Hussein afferma, che ha raccomandato la proroga della relazione della squadra fino a settembre, e il presidente del Consiglio dei diritti umani ha concordato, per via del “cambiamento del contesto” in Sri Lanka, e la possibile emersione di nuove informazioni che potrebbero rafforzare la relazione.

Il nuovo governo ha fatto chiari affidamenti indicando che è stata una preparazione per cooperare “in un’ intera serie di questioni relative ai diritti umani – che il governo precedente ha totalmente rifiutato di fare– e mi occorre collaborare con loro per garantire che tali impegni si traducano in realtà.”

Un funzionario del ministero degli Esteri ha accolto con favore la proroga.

“Ciò coincide attualmente con la mossa del nuovo governo per stabilire un processo democratico per le questioni di responsabilità,” afferma l’ufficiale. “Questo darà spazio al processo di indagine interna.”

Zeid ha sottolineato il fatto che è stata una decisione difficile concedere la proroga e non ha promesso di lasciare i malfattori fuori dai guai.

“Sono ben consapevole che molte vittime…si potrebbe vedere quest’ultima come un primo passo verso la scaffalatura, o la diluizione di una relazione che hanno a lungo temuto che non avrebbero mai visto.

Il governo dello Sri Lanka ha ribadito la necessità di una proroga per potere stabilire un nuovo meccanismo giudiziario per affrontare le accuse.

In una lettera destinata a Zied vista dai Reuters lunedì, il ministro degli Esteri Mangala Samaraweera ha enunciato le riforme del nuovo governo, che prevede di attuare entro 100 giorni compresa la garanzia di giustizia per i crimini di guerra.

Samaraweera precisa che ha invitato Zeid in Sri Lanka, e che erano state rimosse tutte le restrizioni dei media e blocchi sui siti web di notizie.

Fonte: http://srilankabrief.org/2015/02/sri-lanka-wins-delay-over-un-war-crimes-report/

(Reportage di Tom Miles, reportage supplementare di Shihar Aneez; redazione di Tom Heneghan)

Share.

Comments are closed.