Migliaia di persone in piazza in concomitanza della visita a Jaffna del primo ministro indiano Narendra Modi.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Sabato 14 marzo attorno alle 10:00 del mattino, in vista della visita del Primo ministro indiano Narendra Modi, l’associazione pescatori Jaffna e la popolazione si è radunata nella piazza principale di Jaffna, in segno di protesta.

Il problema principale, alla quale si è dato maggior spazio durante la protesta sono i problemi che stanno passando le persone che abitano nella parte nord dell’isola.

Il corteo di protesta partito dalla piazza di Jaffna è proseguito fino all’ambasciata dell’India, presente a Jaffna.

Una volta giunti a destinazione, è stato presentato una lettera, nella quale si chiedeva risposta a varie domande.

Le richieste erano:

  • Speriamo che grazie alla sua visita possa vedere la reale situazione di noi tamil e che si riesca a trovare un accordo per una situazione migliore;
  • Crediamo fortemente, che contatterà il governo dello Sri Lanka, il più presto possibile per risolvere nel minor tempo possibile i problemi, nel caso lei da solo non riesca, crediamo che chiederà aiuto ad altri affinché possa risolverli;
  • A causa dei problemi politici tra Tamil e Singalesi, c’è stata una forte guerra, ancora oggi le persone colpite fisicamente e economicamente dalla guerra, vivono in una situazione di crisi, speriamo che riesca a far si che pure loro escano dalla brutta situazione e vivino una vita migliore;
  • Vogliamo anche una risposta per tutte le persone scomparse, dei quali fino ad oggi non ci è stato dato nessuna informazione.

Fonte: http://www.tamilwin.com/show-RUmtyDSYSUmw3H.html

Share.

Comments are closed.