Per visitare il nord dello Sri Lanka serve il visto

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Si pensava che tutti i territori dello Sri Lanka fossero aperti al turismo e invece, il 15 ottobre, il Ministero della Difesa ha annunciato che i visitatori stranieri dovranno richiedere l’autorizzazione per potersi recare nel nord del paese, precisando le ragioni del loro viaggio.

Il Ministero della difesa ha detto che dal 15 ottobre 2014 per visitare il nord dello Sri Lanka, i turisti stranieri hanno bisogno di richiedere un visto d’autorizzazione, nella richiesta devono essere precisate le ragioni del viaggio.

Come motivazione si è fatto riferimento, per misura precauzionale, alla sicurezza ed inoltre si è precisato che una legge simile fosse già in vigore da molti anni, ma non veniva applicata.

Secondo le autorità a venir rilasciato il permesso non ci si dovrebbe impiegare più di 2-3 giorni.

Nel frattempo, un portavoce dell’esercito del governo ha detto che questa misura di sicurezza maggiore è stata presa poiché alcuni turisti che vi si recavano, non facevano altro che aumentare e creare problematiche tra le etnie presenti.

Ora noi, come popolo tamil vivente all’estero e fuggito alle repressioni ci domandiamo:

È giusto, creare un visto apposito per visitare una parte del paese? Come mai questa parte è proprio il nord dello Sri Lanka, parte abitata dai tamil e non l’altra? Al di sotto di questa decisione si nasconde la voglia dell’attuale governo di non voler mostrare i fatti realmente accaduti al mondo? Vogliono nascondere tutti gli errori da essi commessi e quelli che stanno commettendo ora?

Ci lasciamo con tutti questi quesiti aperti…

Share.

Comments are closed.