Shavendra Silva, 46 anni, ex comandante in Sri Lanka, ha massacrato 40mila civili. Adesso ha l’immunità diplomatica

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Nella vita si può sempre sperare in un futuro migliore. Un criminale di guerra che avrebbe svolto un ruolo chiave nel massacro di 40mila civili in Sri Lanka ha rimediato un comodo lavoro alle Nazioni Unite, con tanto di piena immunità diplomatica. Loracconta il New York Post.

IL POPOLO MASSACRATO – Shavendra Silva, 46 anni, ex comandante militare, è stato nominato vice rappresentante dello Sri Lanka delle Nazioni Unite nel mese di agosto. Il suo approdo arriva giusto un anno dopo che, secondo gli osservatori internazionali, le sue truppe hanno bombardato una zona piena di donne, bambini e anziani. Silva è accusato anche di aver massacrato un gruppo di separatisti che si erano arresi e avevano sventolato la bandiera banca dopo essere stati intercettati dalle sue truppe.

UNO SCHIAFFO –  “E ‘uno schiaffo in faccia”, ha detto un osservatore internazionale a proposito della nuova occupazione di Silva, che l’anno scorso ha seguitogli ultimi mesi di una brutale guerra civile lunga 26 anni contro i separatisti tamil, nell’isola al largo della punta sud-est dell’India. La guerra è iniziata nel 1983 dopo che ai tamil, minoranza indù , è stato negato il potere da parte del governo cingalese. “Migliaia sono stati uccisi o morti di fame. Ci sono state massicce violazioni dei diritti umani e lui è il sospettato numero uno”, hanno detto esperti dei diritti umani che hanno chiesto di non essere identificato. Silva è una celebrità: ha 11mila amici su Facebook, e il suo sito, shavendrasilva.com, è pieno di foto sue in combattimento e un elenco dei suoi successi di battaglia. Lavora in un ufficio presso la missione dello Sri Lanka sulla Third Avenue.

Share.

Comments are closed.