L’esercito srilankese continua coi bombardamenti pesanti

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Giovedì 7 e Venerdì 8 Maggio 2009 l’esercito dello Sri Lanka ha continuato con pesanti bombardamenti, con bombe cluster, sui civili di Mu’l’li-vaaykkaal stabiliti come obbiettivi all’interno della cosidetta „zona sicura“. Parecchi civili sono stati uccisi e molti hanno subito gravi ferite dal momento che l’aereo di sorveglianza dell’aviazione srilankese stava fornendo le coordinate dei luoghi densamente popolati all’esercito srilankese per fissarli come obbiettivi. Solamente nella giornata di Venerdì sono stati feriti almeno 242 civili. Fonti mediche hanno riportato che 45 dei civili feriti, tra cui 15 bambini, sono morti in seguito per le loro ferite, inoltre dozzine di civili sono deceduti sul posto ma che non sono stati portati all’ospedale.
La maggior parte delle vittime trasportate all’ospedale Venerdì sono state ferite quando si trovavano nella parte est di Mu’l’li-vaaykkaal  in fila per ricevere farina d’avena. I civili chesono stati allineati per ritirare i limitati rifornimenti umanitari sono stati attaccati Giovedì. Sono stati colpiti anche i veicoli della Croce Rossa.
Nel frattempo, Giovedì la Croce Rossa ha gestito il trasporto di 400 feriti. Ma, Venerdì, una delle loro navi non ha potuto completare la missione a causa dei continui pesanti bombardamenti. Più di 500 civili stanno aspettando di essere trasportati dalla Croce Rossa. L’ospedale è stato trasferito in una scuola.
Share.

Comments are closed.