Sri Lanka, 20 anni di reclusione a giornalista tamil

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

J.S. Tissainayagam è il primo condannato con l’accusa di „terrorismo“

J.S. Tissainayagam, un giornalista cingalese di etnia Tamil, è stato condannato oggi a 20 anni di reclusione dalla Corte di Colombo per „terrorismo“. E‘ stato accusato, e condannato, per aver sostenuto e incitato i guerriglieri tamil con articoli pubblicati on-line e sul giornale per la quale lavorava, il North Eastern. Anche l’editore del giornale e sua moglie sarebbero indagati con le stesse accuse. Si aggiunge a questo anche l’accusa secondo cui il suo sito internet sarebbe stato finanziato dai guerriglieri per fare propaganda.

La condanna è stata denunciata da Reporters Sans Frontieres e dal Global Media Forum, che hanno anche deciso di assegnare al giornalista il primo premio Peter Mackler.
La sentenza fa di Tissainayagam il primo giornalista cingalese ad essere condannato per terrorismo e anche uno dei pochi al mondo.
Reporters Sans Frontieres dichiara che „con l’uso di confessioni estorte con la forza la corte è riuscita ad applicare una legge inventata per i terroristi, non contro gli attivisti politici“.

Share.

Comments are closed.