Sri Lanka: elezioni presidenziali, violenti scontri

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Almeno otto persone sono rimaste ferite ieri in Sri Lanka in violenze legate alla campagna elettorale in svolgimento per le elezioni presidenziali del 26 gennaio.

Lo riferisce la stampa a Colombo. I due più importanti incidenti sono avvenuti Kiribathgoda, alla periferia della capitale, e Nawalapitiya (Sri Lanka centrale). Il primo scontro è avvenuto quando un gruppo di militanti del Janatha Vimukthi Peramuna (Jvp) e del Partito nazionale unito (Unp), entrambi all’opposizione, sono stati affrontati da un gruppo di aderenti al governativo Partito della libertà dello Sri Lanka (Srfp).

 

L’uso di oggetti contundenti e di pietre ha spinto la polizia ad intervenire con sfollagenti e gas lacrimogeni. Il saldo è stato di cinque feriti. A Nawalapitiya invece le parti si sono affrontate duramente dopo che i sostenitori del governo hanno accusato quelli dell’opposizione di aver attaccato una loro sede elettorale, con un bilancio di tre persone finite all’ospedale.

Nel voto anticipato si affrontano il presidente uscente Mahinda Rajapaksa e l’ex comandante dell’esercito e vincitore della guerra con l’Esercito di liberazione delle Tigri Tamil (Ltte), Sarath Fonseka.

Share.

Comments are closed.